5.8.2022, 11:37

ŠKODA AUTO realizza un risultato operativo positivo di 676 milioni di euro nel primo semestre 2022

  • La redditività delle vendite rimane a un livello stabile con un 6,6% (stesso periodo dell’anno precedente: 9,6%)
  • La casa automobilistica consegna 360’600 veicoli (-30%) in tutto il mondo
  • La guerra in Ucraina, la persistente carenza di semiconduttori e il significativo aumento del prezzo dell’energia e delle materie prime rendono il mercato impegnativo
  • Il consolidamento di OOO Volkswagen Group Rus sotto ŠKODA AUTO a.s. poco prima dello scoppio del conflitto in Ucraina incide sul risultato semestrale
  • Prospettiva: l’azienda continua a prevedere una solida redditività delle vendite per tutto l’anno

Mladá Boleslav / Cham, 5 agosto 2022 – Nel primo semestre 2022, ŠKODA AUTO ha consegnato 360’600 veicoli in tutto il mondo, quindi il 30% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I motivi sono da ricercarsi nelle ripercussioni del conflitto in Ucraina e nella persistente carenza di semiconduttori. Con 676 milioni di euro, il risultato operativo è del 30,6% inferiore rispetto all’anno precedente, la redditività delle vendite rimane tuttavia su un livello stabile con il 6,6% (anno precedente 9,6). ŠKODA AUTO prosegue il suo programma NEXT LEVEL EFFICIENCY+ e continua a prevedere per tutto l’anno una solida redditività delle vendite.

Klaus Zellmer, amministratore delegato di ŠKODA AUTO, afferma: «Nonostante le numerose sfide a livello geopolitico e di economia globale, si può vedere che ŠKODA AUTO è a prova di crisi. La nostra attività è solida, la domanda dei nostri modelli rimane alta e i clienti ci rimangono fedeli nonostante gli inevitabili tempi di attesa. E per questo li ringrazio, come ringrazio tutto il nostro team, che in questi tempi dimostra un’elevata dose di resilienza e flessibilità e fa di tutto affinché i nostri clienti possano ricevere la loro nuova ŠKODA il prima possibile. Partiamo dal presupposto che le condizioni di approvvigionamento dei semiconduttori continueranno a normalizzarsi nelle prossime settimane e mesi. A fine agosto presenteremo al pubblico mondiale la nuova linea del marchio con cui vogliamo riposizionare ŠKODA per il decennio della trasformazione.»

Christian Schenk, direttore per le finanze e il settore informativo di ŠKODA AUTO, aggiunge: «Le sfide dell’inizio dell’anno si sono acutizzate nel corso del secondo trimestre. Ciò nonostante, ŠKODA fa fronte alla situazione molto bene: sebbene si siano potuti consegnare ai clienti molti meno veicoli a causa dei problemi di fornitura, e l’aumento del prezzo per energia e materie prime sia sensibilmente aumentato, siamo riusciti a mantenere anche nel secondo trimestre la solida redditività delle vendite del 6,6% ottenuta nel primo. Con un intenso lavoro di squadra continueremo ad affrontare le sfide, soprattutto i problemi delle catene di fornitura a livello internazionale nonché le ripercussioni del conflitto in Ucraina. Proseguiamo pertanto anche il nostro programma di costi ed efficienza NEXT LEVEL EFFICIENCY+.»

Martin Jahn, direttore per le vendite e il marketing di ŠKODA AUTO, sottolinea: «Alle spalle abbiamo un primo semestre estremamente impegnativo. Oltre alla carenza di semiconduttori e alla pandemia da coronavirus, risentiamo molto del conflitto in Ucraina: in Russia, il nostro secondo mercato mondiale più importante, abbiamo interrotto, fino a nuovo avviso, la produzione dei veicoli nei nostri stabilimenti di Kaluga e Nischni Nowgorod, oltre ad aver fermato tutte le esportazioni verso il paese. Inoltre, a causa di un incendio presso uno dei nostri fornitori, nei mesi scorsi abbiamo dovuto interrompere temporaneamente la produzione del nostro best seller OCTAVIA. Nel frattempo la produzione è ripresa a pieno ritmo. Un dato positivo è anche l’ininterrotta alta domanda dei nostri veicoli. Lavoriamo intensamente per evadere il portafoglio di ordini e ridurre i tempi di attesa per i nostri clienti.»

A seguito del consolidamento, il fatturato del gruppo ŠKODA AUTO* registra un leggero incremento dello 0,2% raggiungendo quota 10,2 miliardi di euro. Per via del consolidamento di OOO Volkswagen Group Rus sotto ŠKODA AUTO a.s. dall’inizio dell’anno, le cifre non possono essere confrontate direttamente con quelle dello stesso periodo dell’anno precedente. La redditività delle vendite rimane a un livello stabile con un 6,6% (9,6% nello stesso periodo dell’anno precedente), mentre il risultato operativo è diminuito del 30,6% a 676 milioni di euro. La casa automobilistica ceca affronta le molteplici sfide in modo coerente con il suo programma NEXT LEVEL EFFICIENCY+, massimizzando il potenziale del fatturato e ottimizzando i costi fissi, del materiale e di produzione. ŠKODA AUTO continua a concentrarsi sui modelli di ingresso particolarmente accessibili e su un solido portafoglio di modelli elettrificati. Su questa base, l’azienda prevede un risultato operativo solido per tutto l’anno nonché una redditività delle vendite stabile.

Gruppo ŠKODA AUTO*: cifre del primo semestre, da gennaio a giugno 2022/2021**

Tebelle_IT

* Il gruppo ŠKODA AUTO comprende ŠKODA AUTO a.s, ŠKODA AUTO Slovensko s.r.o., ŠKODA AUTO Deutschland GmbH, ŠKODA AUTO Volkswagen India Private Ltd. e OOO Volkswagen Group Rus.

** Gli scostamenti percentuali sono calcolati dai valori non arrotondati.

*** Il calcolo include la produzione nel gruppo ŠKODA AUTO, esclusa la produzione negli stabilimenti di assemblaggio dei partner in Cina, Slovacchia e Germania, ma compresi altri marchi del gruppo quali SEAT, Volkswagen e Audi; produzione di veicoli esclusi i set parziali/completi.

**** Il calcolo include le vendite del gruppo ŠKODA AUTO a società distributrici, inclusi altri marchi del gruppo quali SEAT, Volkswagen, Audi, Porsche e Lamborghini; vendite di veicoli esclusi i set parziali/completi.

Primo semestre 2022: ŠKODA AUTO consegna 360’600 veicoli a livello mondialeNel primo semestre dell’anno, la casa automobilistica ceca consegna 360’600 veicoli ai clienti di tutto il mondo. Questo corrisponde a un calo del 30,0% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (da gennaio a giugno 2021: 515’300).

Da gennaio a giugno nell’Europa occidentale le consegne sono calate del 24,1% passando a 180’500 veicoli (2021: 237’900 veicoli). In Germania, il suo più grande mercato singolo in tutto il mondo, l’azienda registra, con 63’500 veicoli consegnati ai clienti, una diminuzione del 16,4% rispetto all’anno precedente (primo semestre 2021: 75’900 veicoli).

Nell’Europa centrale ŠKODA AUTO consegna 69’800 veicoli ai clienti nel primo semestre 2022 (rispetto ai 97’400 consegnati da gennaio a giugno 2021; -28,4%). Nel mercato interno ceco, vengono consegnati ai clienti 35’500 veicoli nello stesso periodo di tempo e pertanto il 19,4% in meno rispetto allo stesso semestre dell’anno precedente (stesso periodo del 2021: 44’000).

Nell’Europa orientale esclusa la Russia la casa automobilistica consegna ai clienti 15’200 veicoli (da gennaio a giugno 2021: 21’700; -30,1%).

In India ŠKODA AUTO registra una forte crescita con 25’900 veicoli consegnati tra gennaio e giugno 2022 – una quantità che corrisponde a un incremento del 428,7% rispetto all’anno precedente (primo semestre 2021: 4’900 veicoli).

In Russia si fa sentire nettamente l’interruzione della distribuzione, che dal 3 marzo impedisce alla casa automobilistica la consegna di veicoli ai clienti. Da gennaio a giugno, ŠKODA AUTO registra un totale di 14’600 veicoli consegnati (primo semestre 2021: 52’800; -72,3%).

In Turchia l’azienda consegna 9’800 veicoli (da gennaio a giugno 2021: 17’600; -44,4%)

In Cina le consegne ai clienti nel primo semestre 2022 calano del 43,9% a 24’700 unità (stesso periodo del 2021: 44’000).

Consegne del marchio ŠKODA ai clienti nel primo semestre 2022
(in unità, arrotondate, per modello; +/- in percentuale rispetto all’anno precedente):

ŠKODA OCTAVIA (61’000; -49,5%)

ŠKODA KODIAQ (50’600; -21,8%)

ŠKODA KAMIQ (47’200; -36,0%)

ŠKODA FABIA (45’900; -19,0%)

ŠKODA KAROQ (43’000; -43,1%)

ŠKODA SUPERB (33’100; -17,5%)

ŠKODA ENYAQ (22’200; +52,2%)

ŠKODA SCALA (21’300; -23,7%)

ŠKODA KUSHAQ (13’500; –)

ŠKODA RAPID (12’300; -67,5%)

ŠKODA SLAVIA (10’300; –)

Share this: